Gli spifferi non ti danno pace? vorresti risparmiare sulle bollette ma la tua casa diventa rovente nella stagione calda e ghiacciata durante i mesi invernali?
Hai mai pensato di proteggere le tue mura con un.. cappotto?

La tecnica di isolamento a cappotto è una tecnica di coibentazione termica e in alcuni casi acustica delle pareti di un edificio, applicando del materiale isolante sulla superficie delle pareti.
Nel rivestimento a cappotto o isolamento a cappotto esterno non c’è assolutamente nessun limite allo spessore dei pannelli isolanti: a differenza dell’isolamento dall’interno, infatti, non toglie spazio utile alle abitazioni e la normativa consente di andare in deroga alle distanze dai confini, ed evitare quindi eventuali beghe catastali.
Lavorando dall’esterno, possiamo definire lo spessore adatto al materiale scelto, puntando agli obiettivi energetici da raggiungere (noi abbiamo sempre un occhio di riguardo per il vostro risparmio e l’ecologia). La tecnica di realizzazione consiste nell’applicare alle pareti dei pannelli isolanti con colla e appositi sistemi di fissaggio che, successivamente, vengono ricoperti da una rasatura armata e da una finitura spatolata precolorata.
Alcuni pannelli possono essere anche dotati di una rete porta-intonaco per la finitura a malta tradizionale.
Il rivestimento a cappotto o isolamento a cappotto può essere realizzato anche sulla superficie interna della parete esterna; quest’ultimo sistema è meno utilizzato poiché sottrae spazio dagli ambienti interni. Esistono in commercio pannelli in cartongesso con diversi tipi di isolamento che partono dallo spessore di 3,3 cm fino a più efficienti 11,3 cm.
Nonostante lo svantaggio dello spazio minore, il rivestimento interno presenta molti vantaggi rispetto al cappotto esterno, quali un costo minore, una posa meno laboriosa e soprattutto, nei condomini, la possibilità di applicarlo a singole unità abitative.
La scelta dei materiali isolanti offre una gamma molto ampia di possibilità: lana minerale, fibra di legno, sughero, schiume minerali, polistirene sinterizzato (EPS), polistirene estruso (XPS), poliuretano.
Un rivestimento a cappotto consente un grande risparmio energetico, in quanto isolare termicamente un edificio lo rende meno soggetto a sbalzi di temperatura, rendendolo fresco d’estate e caldo d’inverno, rendendo possibile utilizzare meno i sistemi di raffrescamento e riscaldamento.
E’ un sistema sicuro, consolidato nell’uso da almeno 50 anni. Esso dà un valore commerciale maggiore all’edificio.